Le foto a colori erano prerogativa dei bianchi, il razzismo in fotografia nell’era della pellicola