Foto di minori, privacy e superstizione